Il quartiere di Campo di Marte sorge nella parte orientale di Firenze, appena fuori dal tracciato delineato dai viali di circonvallazione. Trae il proprio nome dalla omonima stazione dei treni, nella quale transitano i treni diretti verso Roma. Tre sono i principali motivi per visitare questa parte della città: studio, sport e divertimento. Il quartiere è infatti associato, nella mente dei fiorentini, allo stadio della squadra di calcio cittadina, la Fiorentina, al Mandela Forum, ovvero il palazzetto dello sport, al teatro Saschall ed alla sede della Facoltà di psicologia.

Il complesso che comprende lo stadio, intitolato ad Artemio Franchi, è di gran lunga il maggior polo di attrazione di Campo di Marte: i fiorentini, infatti, sono particolarmente legati alla propria squadra di calcio, la Fiorentina, che gioca con i tradizionali colori viola. Lo stadio viene frequentemente utilizzato anche in occasione di concerti di particolare rilievo, che richiedono pertanto una capienza maggiore rispetto a quella del vicino palazzetto dello sport, il Mandela Forum. Anche il Mandela Forum viene utilizzato in occasione di concerti, spettacoli, ed altre manifestazioni: nel 2010 ha infatti ospitato Jobfair, la fiera organizzata per consentire l’ incontro fra aziende e laureati. Il Saschall completa l’ elenco dei luoghi più utilizzati a Firenze per l’ organizzazione di spettacoli teatrali, concerti e manifestazioni varie: facilmente riconoscibile per la struttura bianca, questo teatro posto in riva all’ Arno è facilmente raggiungibile dall’ Autostrada, prendendo l’ uscita Firenze Sud.

I dintorni dello stadio sono particolarmente indicati anche per lo sport: oltre all’ Artemio Franchi ed al Palazzetto dello sport sorgono, infatti, nel medesimo isolato, il campo del Rugby Firenze e la piscina comunale Costoli. Un’ ulteriore impanto per il nuoto, la piscina Nannini, sorge sul Lungarno, non distante dal Saschall. Proseguendo lungo l’ Arno dopo aver superato il Saschall si trova la palestra Virgina Active, una delle più grandi e meglio attrezzate della città, la quale possiede anche due impianti per tennis e calcio a 5.

La presenza di numerosi impianti sportivi e di strutture per gli spettacoli rappresenta una grande attrattiva per i molti studenti, fiorentini e non, che abitano in questa zona: il quartiere costituisce infatti una apprezzata zona residenziale, particolarmente frequentata dagli studenti universitari per la prossimità della sede della Facoltà di Psicologia (che sorge in via della Torretta), e di Architettura. La grande concentrazione di studenti presente ha fatto sì che sorgessero nel tempo una gran quantità di locali di tutti i tipi: non solo ristoranti e pizzerie, ma anche pub, birrerie e locali notturni che contribuiscono a rendere frizzante e vivace la nightlife fiorentina. Un utile punto di partenza è costituito anche in questo caso dalla zona dello Stadio, in cui è possibile trovare la massima concentrazione di ristoranti e pizzerie, mentre per un pasto veloce sono presenti anche numerose paninerie; per il dopo-cena sono presenti diversi pub, mentre per ballare è necessario raggiungere il Lungarno dove, a pochi passi dalla Palestra Virgin sorge l’ Otel, una delle discoteche più gettonate di Firenze, oppure al Lungarno Pecori-Giraldi dove si trova il Teatro dell’ Acqua, un club particolarmente frequentato d’ estate per la possibilità di ballare all’ aperto.

Estremamente interessanti per la presenza di locali sono anche il viale Gramsci che separa il quartiere dalla città vecchia, e via Gioberti, che taglia il quartiere da ovest ad est. Viale Gramsci vanta la presenza non solo di pizzerie e ristoranti ma anche di locali nei quali viene servito l’ aperitivo; via Gioberti invece deve la sua attrattiva principalmente alla elevata concentrazione di negozi, soprattutto di abbigliamento, che ne fanno uno dei luoghi più apprezzati per lo shopping aldifuori del centro storico. Pur essendo un quartiere relativamente moderno, rispetto alla città vecchia, non mancano anche in questa parte di Firenze attrattive dal punto di vista storico-artistico: percorrendo i viali di circonvallazione, all’ altezza della congiunzione tra viale Matteotti e viale Gramsci, sorge il celebre Cimitero degli Inglesi, dalla curiosa forma ellittica, nel quale riposa, fra gli altri, il celebre scrittore e letterato J.P. Viesseux. Proseguendo verso l’ Arno si incrocia piazza Beccaria, di forma circolare, nel cui centro sorge Porta alla Croce, uno degli ingressi originali alle antiche mura di Firenze, demolite per la realizzazione dei viali di criconvallazione. Di notevole interesse è anche il complesso di San Salvi, comprendente la chiesa di San Michele, la cui fondazione risale addirittura al 1048, ed il Museo del Cenacolo, che conserva, oltre ad importanti opere del periodo manierista (fra le quali alcuni dipinti del Pontormo), i magnifici affreschi realizzati da Andrea del Sarto all’ interno dell’ ambiente che fungeva da refettorio.

Articolo di Alessandro Benedetti

CuriositasuFirenze.wordpress.com

Nonsolochianti.wordpress.com